L’asset manager per un mondo che cambia
ISR_Eolienne_lesIndiens_1440x300

SRI – Investimenti Sostenibili e Responsabili

 

Ancora poco noti al grande pubblico solo pochi anni fa, gli SRI, gli Investimenti Sostenibili e Responsabili – Sustainable and Responsible Investments, stanno richiamando l’attenzione degli investitori europei, sia istituzionali che privati.

 

Punti chiave

Il prossimo decennio sarà caratterizzato dalla rivoluzione ambientale e l’esigenza di investimenti importanti per risolvere i problemi ambientali non avrà alternative, sia nei paesi emergenti che in quelli avanzati

I fondi d’investimento dedicati alla tutela dell’ambiente investono in settori in piena espansione e dispongono, quindi, del potenziale per offrire agli investitori rendimenti mediamente più elevati rispetto a fondi tradizionali con profilo analogo (ciclici, neutrali o difensivi)

Oltre a proporre fondi SRI, come gestore responsabile, BNP Paribas Asset Management tiene conto dei criteri ambientali, sociali e di governance (ESG) nelle decisioni di investimento attinenti all’intera gamma dei fondi a gestione attiva

 

SRI: l’applicazione del concetto di sviluppo sostenibile agli investimenti finanziari

L’affermarsi della consapevolezza delle tendenze che caratterizzano l’attuale contesto mondiale – il riscaldamento del clima, le problematiche legate alle risorse idriche, l’aumento dell’aspettativa di vita media della popolazione, l’inurbamento nei paesi in via di sviluppo – ha portato l’attenzione degli investitori sui fondi dedicati alla tutela dell’ambiente. Questi prodotti, infatti, soddisfano le esigenze della clientela di apprezzamento del capitale conferendo al contempo un senso etico al risparmio e mitigando alcune tipologie di rischio. I fondi SRI selezionano, infatti, società che integrano la protezione ambientale, la responsabilità sociale e la buona governance societaria nella propria strategia di sviluppo.

BNP Paribas Asset Management ha sviluppato, a partire dal 1997, una competenza d’investimento nel settore SRI e oggi offre una vasta gamma di fondi sostenibili e responsabili, con un patrimonio complessivo in gestione pari a circa 36 miliardi di euro (Fonte: BNPP AM a fine giugno 2018).

Le nostre strategie SRI si dividono in due grandi gruppi: strategie tematiche e strategie  “best-in-class”.

 

I fondi tematici ambientali

Le gestioni tematiche ambientali investono in maniera selettiva in attività, prodotti e servizi legati alla protezione dell’ambiente.

I fondi d’investimento Parvest Aqua, Parvest Climate Impact, Parvest Global Environment o Parvest SMaRT Food ad esempio, puntano su aziende che propongono soluzioni concrete per lo sviluppo sostenibile: le attività obiettivo d’investimento beneficiano, a nostro giudizio, di prospettive di crescita interessanti rispetto ai settori economici più tradizionali.

 

La strategia d’investimento Best-in-Class

I fondi che adottano questa strategia selezionano le imprese che mostrano maggiore sensibilità al tema della responsabilità in campo sociale e ambientale (contrasto dei cambiamenti climatici, rispetto delle risorse umane, ecc.) e che si attengono ai principi di buona governance societaria (indipendenza del consiglio di amministrazione, rispetto dei diritti degli azionisti).

Questi principi vengono adattati a tutte le altre categorie di emittenti (sovrani, istituzionali sovranazionali, ecc.) nel quadro della gestione dei fondi obbligazionari e monetari. La selezione degli emittenti si basa su metodologie di ricerca sviluppate in proprio dai nostri analisti specializzati in tematiche extra-finanziarie.

 

L’integrazione dei criteri ESG in tutta la gamma degli investimenti BNPP AM e le esclusioni

Oltre a proporre fondi SRI, come gestore responsabile, BNP Paribas Asset Management tiene conto dei criteri ambientali, sociali e di governance (ESG) nelle decisioni di investimento attinenti all’intera gamma dei fondi a gestione attiva.

Inoltre, per tutti gli investimenti, BNPP AM applica una serie di criteri di esclusione basati sui 10 principi del Global Compact delle Nazioni Unite – Exclusion Normative – nonché degli standard ESG specifici che devono essere rispettati dalle aziende dell’universo di investimento attive in alcuni settori sensibili in termini di impatto sociale e ambientale. Questi criteri vengono definiti nell’ambito di politiche settoriali che attualmente riguardano olio di palma, pasta di cellulosa, centrali a carbone, energia nucleare, miniere, amianto, agricoltura e tabacco. Il mancato rispetto degli standard ESG definiti da BNPP AM comporta l’esclusione delle società dall’universo di investimento dei fondi aperti (ad eccezione dei fondi che replicano un indice).

Infine, conformemente alle normative internazionali, alcuni settori come le armi controverse (mine anti-persona e munizioni a grappolo) sono esclusi da qualsiasi investimento.

Il fondo Parvest Aqua cambia denominazione in BNP Paribas Aqua a partire dal 30/08/2019 Il fondo Parvest Climate Impact cambia denominazione in BNP Paribas Climate Impact a partire dal 30/08/2019 Il fondo Parvest Global Environment cambia denominazione in BNP Paribas Global Environment a partire dal 30/08/2019 Il fondo Parvest Smart Food cambia denominazione in BNP Paribas SMaRT Food a partire dal 30/08/2019