L’asset manager per un mondo che cambia
BNP PARIBAS ASSET MANAGEMENT - Finance 3 1440x300
  • Home
  • Mercati azionari: cronaca di una correzione annunciata

Mercati azionari: cronaca di una correzione annunciata

Investment Insight

Daniel MORRIS
 

Una breve analisi della recente ondata di vendite e delle conseguenze per l’allocazione azionaria

La recente ondata di vendite non desta sorpresa. Gli investitori avevano previsto una correzione dei mercati azionari da almeno un anno. In realtà, la volatilità del mercato, misurata dall’indice VIX, era rimasta su livelli bassi per la maggior parte del 2017. Tuttavia, il rialzo registrato dalle large-cap USA a partire dall’inizio del 2018 pareva decisamente eccessivo (+6%), in particolare poiché seguiva una performance eccellente nei dodici mesi precedenti.

Cerchiamo, dunque, di capire quali sono le ragioni che hanno innescato la correzione proprio adesso. In effetti, le pressioni che lasciavano prevedere un’ondata di vendite si erano chiaramente accentuate dopo il rialzo dei rendimenti dei Treasury USA, che nel caso dei titoli biennali sono saliti ai massimi dal 2008 e per i decennali al picco dal 2014. Questo incremento è stato favorito dall’inasprimento delle politiche monetarie della Federal Reserve per quanto riguarda la parte breve della curva dei rendimenti e dal rialzo delle attese d’inflazione per i tassi a lunga scadenza.

Tuttavia, tendiamo a escludere un’accelerazione significativa dell’inflazione negli Stati Uniti. Inoltre, l’onere degli interessi sui bilanci delle imprese è ancora estremamente basso, mentre gli sgravi fiscali, assieme al rimpatrio dei profitti, dovrebbero contribuire alla riduzione dell’indebitamento societario e il rialzo dei salari dovrebbe sostenere i consumi.

È probabile che i mercati azionari attraverseranno una fase di debolezza che durerà per un po’, prima di recuperare. Tuttavia, la durata di questo periodo dipenderà dall’evoluzione dei prezzi al consumo. In base alle attese in materia di inflazione, in gennaio l’IPC core dovrebbe rallentare, passando dall’1,8% all’ 1,7%. A nostro avviso è troppo presto per dire che gli indici non scenderanno ancora, ma riteniamo che il contesto di mercato per gli strumenti finanziari a maggior rischio sia ancora favorevole e prevediamo di accentuarne le ponderazioni nel breve periodo.

06 febbraio 2018

Sullo stesso argomento:

BNP PARIBAS ASSET MANAGEMENT - Finance 3 1440x300
Marzo 09, 2018 5 min
BNP PARIBAS ASSET MANAGEMENT - Strategie Epargne 1400x300
Febbraio 23, 2018 3 min