L’asset manager per un mondo che cambia
Markets_Finance_Graph_People_Screen__1440x300
  • Home
  • Un po’ di calma dopo la tempesta

Un po’ di calma dopo la tempesta

Coronavirus, Investment strategy, Ultime notizie

Dominick DEALTO
 

Una calma apparente caratterizza i mercati finanziari negli ultimi giorni - Guillermo Felices, head of research and strategy for Multi-Asset and Quantitative Solutions (MAQS) e Dominick Dealto, chief investment officer fixed income, discutono delle potenziali opportunità e dei rischi che si prospettano agli investitori.

Nelle ultime settimane abbiamo assistito a grandi stravolgimenti sui mercati finanziari. Come si può valutare l’impatto del COVID-19 su di essi?

Guillermo: il COVID-19 è innanzitutto un’emergenza sanitaria pubblica. Ha innescato una battuta d’arresto economica in molti paesi e una risposta da parte delle principali banche centrali di una porta tale che sarebbe stata impensabile solo poche settimane fa.

Stiamo monitorando da vicino l’impatto della crisi dovuta al corona virus sui mercati finanziari attraverso quattro pilastri fondamentali:
• L’evoluzione del virus
• Turbativa/ripresa dell’attività economica
• Risposte politiche
• Sentiment e stress del mercato

Il COVID-19 si sposta da est a ovest. Ora l’Europa è nel pieno della tempesta, con i nuovi contagi che aumentano ancora rapidamente, ma con alcuni primi segnali di stabilizzazione in Italia. Guardando a ovest, l’impatto del virus sull’economia americana sta già comparendo nella diffusione dei dati.
Non c’è dubbio che i dati sull’attività economica saranno foschi ovunque per un certo periodo di tempo. Ma in Cina, l’attività sta gradualmente crescendo di nuovo. Lo vediamo nei dati sull’attività industriale, sul consumo di energia e, in misura minore, sulla spesa al consumo.

Le risposte politiche in tutto il mondo sono state molto aggressive, con la politica fiscale che sta prendendo il testimone dalla politica monetaria. I tassi di riferimento delle principali economie sono praticamente a zero e le banche centrali, nella maggior parte dei casi, hanno riavviato programmi di quantitative easing (QE) molto aggressivi.

Sul fronte fiscale, il governo americano ha annunciato un pacchetto da 2 miliardi di USD che include pagamenti in contanti alle famiglie e aiuti alle piccole imprese. In Europa, anche i pacchetti fiscali sono molto ampi, e la maggior parte dei governi offre garanzie considerevoli per sostenere le imprese e i consumatori.

Infine, gli indicatori di stress di mercato sono scesi dai loro massimi, ma il sentiment del mercato è ancora molto depresso.
Nel complesso, il nostro scenario di base d’investimento prevede che l’impatto di COVID-19 sull’economia globale sarà attenuato dalle misure che le autorità stanno adottando. Prevediamo una “ripresa a U”. Il rischio principale è rappresentato da interruzioni prolungate e intermittenti che portano a una più lunga recessione globale.

I nostri indicatori della “temperatura di mercato” stanno dando un segnale “verde scuro”, in genere un buon segnale contrarian di acquisto. Inoltre, la nostra analisi tecnica dinamica suggerisce che gli attivi legati alle materie prime sono interessanti nel medio termine. Questo punto di vista è sottolineato dalla nostra analisi dei dati fondamentali.

Come avete gestito le tensioni dei mercati obbligazionari? Dove vedete ora le opportunità per gli investitori a lungo termine?

Dominick: i nostri team del reddito fisso sono dislocati in otto paesi diversi in tre continenti e, nelle ultime due settimane, alcuni nostri gestori hanno utilizzato la tecnologia a nostra disposizione per lavorare da casa. Di conseguenza, siamo ben organizzati sin dall’inizio del lockdown.

Cosa altrettanto importante, i nostri portafogli erano ben posizionati. Prima dell’inizio della crisi, avevamo ridotto il rischio per riflettere la nostra visione che la crescita nelle economie sviluppate sarebbe rallentata. Ovviamente, non avevamo previsto uno shock così brusco, ma siamo stati in grado di ridurre ulteriormente il rischio per contenere la tempesta in atto.
Con i profondi cambiamenti in corso nella politica monetaria e fiscale, ci sono ora segnali che la corrente stia cambiando. Vi è stato un sell-off indiscriminato guidato dalla paura, poiché i mercati hanno integrato nelle valutazioni gli scenari più estremi.

È proprio in questo tipo di contesto che noi, in qualità di gestori attivi, entriamo in azione. I crediti eccellenti sono ora scambiati a valutazioni che riflettono la vendita indiscriminata piuttosto che i fattori fondamentali che contano nel lungo termine. Applichiamo un’analisi rigorosa inerente al nostro processo d’investimento per identificare queste opportunità nei diversi segmenti dei mercati obbligazionari globali.

Per gli investitori che cercano opportunità nel lungo termine, vorrei evidenziare il debito societario investment grade e il debito in valuta forte dei mercati emergenti come due segmenti in cui le valutazioni attuali offrono livelli di entrata potenzialmente interessanti.

E per quanto riguarda i portafogli multi-asset? Come si sono posizionati adesso, alla luce della sua analisi e valutando come la situazione possa evolversi?

Guillermo: Purtroppo, negli Stati Uniti il numero di casi COVID-19 è in aumento, questo ci ha portato a ridurre la nostra esposizione ai titoli azionari statunitensi a livelli neutrali.

Abbiamo potenziato le nostre allocazioni sulle azioni britanniche poiché riteniamo che il sell-off sia andato troppo oltre.
La nostra valutazione positiva sulle prospettive delle materie prime globali con la ripresa dell’Asia ci ha indotto a sovrappesare il dollaro australiano rispetto al dollaro USA.

Infine, restiamo sovrappesati sulle azioni dell’Eurozona e dei mercati emergenti. In questi mercati vi sono opportunità che emergono solo dopo le vendite da panico. Per gli investitori a lungo termine, è giunto il momento di iniziare a rientrare in alcuni di questi mercati.

 

Questo contenuto è disponibile anche in versione podcast.

Clicca qui per ascoltare il podcast

 

Sullo stesso argomento:

people_world_mask_coronavirus_finance_1440x300
Aprile 06, 2020 4 min
Coronavirus, Global views and trends, Ultime notizie
Finance asset allocation
Aprile 02, 2020 1 min
Coronavirus, Global views and trends