BNP AM

L’investimento sostenibile per un mondo che cambia

Sfatiamo i miti sugli investimenti tematici

Autori - Prospettive e ricerche
Clicca sull’icona per i dettagli
13/10/2021 · 1 Min

Negli ultimi anni l’interesse per gli investimenti tematici è cresciuto notevolmente. Secondo Morningstar, gli attivi gestiti nell’ambito dei fondi tematici sono più che triplicati, arrivando a 595 miliardi di USD negli ultimi tre anni[1].   

Anche se buona parte di questo rialzo può essere attribuita alle aspettative degli investitori di solide performance a lungo termine, i fondi tematici spesso si focalizzano maggiormente sugli investimenti sostenibili, sui quali c’è una notevole attenzione.

I futuri cambiamenti regolamentari, quali l’integrazione delle preferenze ESG[2] nelle scelte degli investitori nell’ambito della MiFID II[3], così come la crescente domanda da parte di investitori più consapevoli dal punto di vista ambientale e sociale, faranno sì che l’interesse per i fondi tematici orientati in modo sostenibile continui a crescere.

Eppure, con oltre 3 000 fondi sostenibili a disposizione degli investitori europei[4], i fund selector devono affrontare una sfida enorme: trovare gestori e strategie di investimento in grado di coniugare performance e ambizioni di sostenibilità. Inoltre, diversi miti nati attorno all’investimento tematico potrebbero impedire agli investitori di fare una valutazione efficace dei fondi tematici potenzialmente sostenibili.

In “Sfatiamo i miti sugli investimenti tematici”, il nostro Environmental Strategies Group analizza questi miti per aiutare gli investitori a distinguere tra i fondi che semplicemente “dicono” e quelli che effettivamente fanno.

[1] Fonte: Morningstar, Global Thematic Funds Landscape Report, maggio 2021

[2] ESG: Environmental, Social and Governance (Ambientale, sociale e governance)

[3] La MiFID II è un quadro normativo dell’Unione Europea per regolamentare in blocco i mercati finanziari e migliorare la protezione degli investitori. Il suo obiettivo è quello di uniformare le pratiche in tutta l’Unione europea. Fonte: https://www.investopedia.com/terms/m/mifid  

[4] Fonte: Morningstar, a fine dicembre 2020 


Qualsiasi opinione qui espressa è quella degli autori alla data di pubblicazione, si basa sulle informazioni disponibili e può essere modificata senza preavviso. I singoli team di gestione del portafoglio possono avere opinioni diverse e prendere decisioni di investimento diverse per i diversi clienti. Il valore degli investimenti e il rendimento da essi generato possono aumentare o diminuire ed è possibile che gli investitori non recuperino l’importo originariamente investito. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. L’investimento nei mercati emergenti o in settori specializzati o ristretti può presentare una volatilità superiore alla media, a causa di una forte concentrazione, di maggiori incertezze dovuta alla minore quantità di informazioni disponibili, alla minore liquidità o alla maggiore sensibilità ai cambiamenti delle condizioni di mercato (sociali, politiche ed economiche). Alcuni mercati emergenti offrono meno sicurezza della maggior parte dei mercati sviluppati internazionali. Per questo motivo, i servizi per le operazioni di portafoglio, la liquidazione e la conservazione per conto dei fondi investiti nei mercati emergenti possono comportare maggiori rischi.

Approfondimenti correlati

Investment Outlook 2022
11:48 MIN
Market weekly – Gli investitori alle prese con nuove turbolenze nel 2022 (leggi e ascolta)
21:41 MIN
Market weekly – La COP26 dalla prospettiva del portafoglio (leggi o ascolta)
Autori - Prospettive e ricerche
Clicca sull’icona per i dettagli