BNP AM

L’investimento sostenibile per un mondo che cambia

L’interruzione delle catene di fornitura è solo una delle sfide che gli investitori nelle nuove tecnologie sono chiamati ad affrontare. Un’altra difficoltà risiede nella rivalutazione fondamentale delle prospettive per i tassi d’interesse statunitensi e, di conseguenza, per i prezzi delle azioni growth. Pamela Hegarty, gestore di portafoglio specializzata in disruptive technology, spiega quali sono i temi che a suo avviso plasmeranno le tendenze tecnologiche future e come possono trasformarsi in punti di riferimento per valutare le opportunità e i rischi odierni.

Ascolta questo podcast Talking heads con Pam e il chief market strategist Daniel Morris per scoprire di più sui driver secolari della domanda e sulle prospettive per le società tecnologiche.

Fra le opportunità individuate da Pam ci sono la crescente diffusione della rete 5G e le tecnologie di computing a elevate prestazioni, che spaziano dall’intelligenza artificiale alle applicazioni “a latere” nel settore automobilistico, dell’automazione e della robotica.

È possibile ascoltare o abbonarsi ai podasct Talking heads anche su YouTube.

I nostri podcast Talking heads forniscono agli investitori panoramiche dettagliate su argomenti rilevanti, analisi degli scenari mondiali e dei mercati attraverso la lente della sostenibilità e interviste di alto profilo con esperti degli investimenti.

Disclaimer

Si prega di notare che gli articoli possono contenere termini tecnici. Per questo motivo potrebbero non essere adatti ad un lettore senza esperienza professionale in materia di investimenti. Qualsiasi opinione qui espressa è quella degli autori alla data di pubblicazione, si basa sulle informazioni disponibili e può essere modificata senza preavviso. I singoli team di gestione del portafoglio possono avere opinioni diverse e prendere decisioni di investimento diverse per i diversi clienti. Il valore degli investimenti e il rendimento da essi generato possono aumentare o diminuire ed è possibile che gli investitori non recuperino l’importo originariamente investito. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. L’investimento nei mercati emergenti o in settori specializzati o ristretti può presentare una volatilità superiore alla media, a causa di una forte concentrazione, di maggiori incertezze dovuta alla minore quantità di informazioni disponibili, alla minore liquidità o alla maggiore sensibilità ai cambiamenti delle condizioni di mercato (sociali, politiche ed economiche). Alcuni mercati emergenti offrono meno sicurezza della maggior parte dei mercati sviluppati internazionali. Per questo motivo, i servizi per le operazioni di portafoglio, la liquidazione e la conservazione per conto dei fondi investiti nei mercati emergenti possono comportare maggiori rischi.

Approfondimenti correlati

Weekly investment update – Parola d’ordine?
Weekly investment update – È il turno della Banca Centrale Europea
Weekly investment update – Le prospettive economiche fiacche pesano sui mercati